Il fondatore: Dino Bressan

27-11-1944 | 25-01-2019

Dino Bressan è stato un imprenditore varesino, fondatore e, fino alla sopraggiunta impossibilità fisica, principale dirigente di Igb.
Nato a Cocquio Trevisago (VA) il 27 Novembre del 1944 da un’umilissima famiglia di emigrati padovani, quarto di cinque fratelli, ha iniziato giovanissimo a lavorare in fabbrica.
Dopo aver sofferto gli stenti del difficile dopoguerra, Dino Bressan con coraggio, determinazione e lungimiranza imprenditoriale, ha avviato e condotto al successo la propria azienda.

La passione per il proprio lavoro, la competenza tecnica e la serietà nel rispettare gli impegni presi, gli sono valsi il rispetto incondizionato di clienti, fornitori e collaboratori.

Image
Image

Il 25 gennaio 2019, all'età di 74 anni, muore all’ospedale di Gallarate per le complicanze post operatorie di un carcinoma.
Ai funerali ha partecipato una folla commossa di parenti, di amici e di persone da lui conosciute durante la sua appassionata avventura lavorativa.

Durante la funzione, la sua più stretta collaboratrice, Sara Caverzasi, ha letto il seguente messaggio che qui riportiamo a testimonianza della straordinarietà del personaggio.

“Il silenzio nel tuo ufficio, la luce spenta, la calcolatrice riporta ancora gli ultimi conti fatti con le tanto amate vecchie lire, gli occhiali posati sulla scrivania…è rimasto tutto come lo hai lasciato, quasi ad aspettare che tu tornassi.
Anche noi siamo rimasti ad aspettare che tu tornassi, sappiamo che hai lottato con tutte le tue forze, ma questa volta la tua grinta, la tua tenacia, la tua perseveranza non sono bastate.
Sei partito dal niente e negli anni con tanti sacrifici hai costruito tanto, sei stato un grande maestro per tutti noi e continueremo a lavorare ricordandoci le parole che dicevi sempre “ci vuole collaborazione, perché l’azienda la fanno gli uomini, non le macchine”….grazie per tutto quello che ci hai insegnato…arrivederci grande boss”

Il suo esempio e i suoi insegnamenti continuano ad essere un punto di riferimento anche per i figli (Alessio, Elisabetta e Michel) che, con orgoglio e competenza, continuano a condurre Igb verso successi sempre più importanti.